Archivi Mensili: gennaio 2013

Il comune sentire

C’è un modo di parlare di essi [dei giovani] che appare senza speranza e senza remissione: i giovani sono abulici, indifferenti, svogliati, viziosi, dediti al divertimento, alle sostanze eccitanti o all’alcol.

Non è questa l’impressione che io ho dei giovani di oggi.

Anzitutto non uso volentieri la categoria “giovani”, categoria puramente biologica, che non dice di per sé nulla sulla realtà di queste persone. Preferisco guardarli più da vicino. Allora mi sembra di riconoscere tre tipi di giovani: quelli alla deriva, i giovani che pensano e i giovani che decidono.

La prima categoria è composta da coloro che si lasciano trascinare dalla massa e da qualunque proposta di successo o di godimento. Rimangono passivi. Per questi giovani, finché restano in tale situazione, sembra non vi sia altro da fare se non cercare di scuoterli dal loro torpore.

Una seconda categoria è costituita invece dai giovani pensosi. Sono quelli che si pongono delle domande, che hanno un’inquietudine nel cuore, che cercano qualche cosa. Sono molti di più di quanti noi immaginiamo. […] Parecchi di loro si presentano come spensierati e gaudienti, ma nella realtà sono pensierosi e preoccupati, vivono forti momenti di angoscia. […] Questi sono i giovani che hanno bisogno di una mano amica, di chi li sappia comprendere, di chi sia disponibile a entrare in dialogo con loro. Sono giovani che guardano agli adulti con molta attenzione. A seconda della testimonianza che ricevono e dagli esempi che vedono, possono acquistare fiducia e coraggio oppure cadere nel pessimismo.

Poi c’è una terza categoria, quella dei giovani decisi. Ne ho conosciuti molti. Non sono necessariamente credenti, alcuni di loro non frequentano molto la Chiesa. Ma hanno nel cuore dei valori forti e sanno sacrificarsi per essi. Sono i giovani che troviamo nelle varie iniziative di volontariato che si decidono presto per una vita di dedizione agli altri. Sono giovani che, secondo la felice espressione di Benedetto XVI, hanno saputo “osare l’amore”.

[…] A questi giovani dico: voi siete una minoranza, ma una minoranza qualificata, capace di guidare e trascinare altri. L’avvenire è sempre stato di minoranze forti, non di masse passive attratte solo dal gusto di ciò che piace. Questi giovani vanno aiutati, sostenuti, incoraggiati. Con loro si può guardare avanti, ma a condizione che si lasci loro il giusto spazio, sia di azione che di parola, e che siano riconosciuti come veri protagonisti del nostro vivere sociale.

Carlo Maria Martini, Il comune sentire

Quando la colpa tormenta l’anima

La colpa tormenta l’anima ogni qualvolta nasce il conflitto tra l’amore per se stessi e quello per gli altri. Questa è la sola vera fatica del vivere, che agita il nostro inconscio e turba la mente e il cuore quando emerge a livello della coscienza. Ma la sofferenza ti fa anche crescere e dà senso alla nostra piccola vita.

cit. Eugenio Scalfari

Mai creare illusioni!

“Se uno è stronzo, non je posso dì “stupidino”, si crea delle illusioni. Je devi dì “stronzo”.”

(cit. Gianfranco Funari)

Via Testipensanti

Guarire dalla propria ombra

‎Anche io sono morto in quel mattino d’inverno. Sono stato capace di questo, e non mi perdono. So che oggi non sono lo stesso uomo, ma contengo quell’uomo di allora, e non si guarisce dalla propria ombra, le si affiancano soltanto nuove luci”

Stefano Benni, Di tutte le ricchezze

Di tutte le ricchezze

Come vivo la solitudine? A volte con benevola pazienza, a volte con dolore. Passeggio lento, cucino male, scrivo con cura, dormo poco, penso molto.

( S. Benni, Di tutte le ricchezze)